Skip to content Skip to footer

Attici: tipologia abitativa spesso molto ricercata ma poco presente sul mercato immobiliare nazionale

Le compravendite di attici effettuate attraverso le agenzie affiliate Tecnocasa e Tecnorete nel primo semestre del 2023 mettono in evidenza che, solo lo 0,5% delle compravendite riguarda questa tipologia abitativa. Si tratta di una quota di mercato molto simile a quelle registrate negli ultimi anni, con percentuali che non hanno mai superato l’1% sul totale delle compravendite.

Nella prima parte del 2023 le metrature più compravendute sono quelle comprese tra 101 e 150 mq, che compongono il 42,7% delle transazioni. A seguire con il 33,9% delle scelte ci sono gli attici con ampiezza compresa tra 51 e 100 mq. Buona anche la percentuale di compravendite di attici con metrature comprese tra 151 e 200 mq, che sfiora il 19%. Rispetto all’anno precedente aumenta la percentuale di compravendite di tagli compresi tra 101 e 150 mq, si passa infatti dal 36,5% all’attuale 42,7%. Cresce anche la quota di acquisti di tagli compresi tra 151 e 200 mq, mentre diminuisce la percentuale di tagli oltre i 200 mq.

L’analisi evidenzia una buona percentuale di compravendite di attici in classe energetica alta (A e B), che si attesta al 23,3%. Il dato risulta particolarmente rilevante se confrontato con la percentuale di compravendite di tutte le tipologie abitative e non solo degli attici: in questo caso la quota di acquisti in classe energetica A e B si ferma al 6,4%, soglia nettamente inferiore al 23,3% degli attici. In ogni caso, la maggior parte degli attici acquistati appartiene ad una classe energetica bassa (F e G 62,1%).

Gli attici si acquistano soprattutto come abitazione principale (83,6%). Bassa la percentuale di compravendite per investimento che si attesta al 7,3%, mentre gli attici adibiti a casa vacanza sono il 9,1% del totale. I prezzi elevati e la particolarità della tipologia rendono l’attico una soluzione poco scelta dagli investitori, mentre sul segmento della casa vacanza si segnala una crescita rispetto al 2022, si passa infatti dal 6,4% all’attuale 9,1%.

Nel primo semestre del 2023 a comprare attici sono state soprattutto persone con un’età compresa tra 35 e 44 anni (28,1%), a seguire gli acquirenti con un’età compresa tra 18 e 34 anni (26,6%) e quelli tra 55 e 64 anni (25,0%).

La maggioranza degli acquirenti sono famiglie, che in totale effettuano il 69,1% delle compravendite di attici. In questo semestre si registra comunque un aumento di acquisti da parte di single, che salgono al 30,9% rispetto al 22,1% dell’anno precedente.

Nel 51,6% dei casi l’acquisto dell’attico avviene grazie all’ausilio di un mutuo, percentuale in crescita rispetto alla prima parte del 2022 quando si fermava al 47,1%.

Fonte: Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa

 

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...