Skip to content Skip to footer

Centotrenta giovani a Roma da tutto il mondo per la Youth4Climate

Colosseo illuminato con il logo dell’iniziativa la notte del 18 ottobre. Gli “under 30” a confronto con le istituzioni a poche settimane dalla Cop28 di Dubai. L’iniziativa Mase – Undp presentata a Roma dal Ministro Pichetto. Il Colosseo illuminato con il logo dell’iniziativa la notte del 18 ottobre.

Dal 17 al 19 ottobre si svolge a Roma l’evento “Youth4Climate: Sparking Solutions 2023”: sono attesi nella Capitale centotrenta giovani under 30 provenienti da sessantatré Paesi, che si confronteranno con istituzionali nazionali e internazionali sull’azione per il clima: dalla Tanzania al Pakistan, dalla Cina alle isole Fiji, dal Messico all’Ucraina. E anche il Colosseo si illuminerà con il logo dell’iniziativa, che si celebra a poche settimane dall’avvio della Cop28 di Dubai.

“L’Italia – spiega il Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica Gilberto Pichetto sta investendo molto sul coinvolgimento dei giovani nell’azione per il clima. La nostra Youth4Climate – aggiunge – sarà una grande occasione di confronto e ascolto con lo sguardo rivolto alla Cop28 negli Emirati Arabi, dove porteremo la voglia sana dei giovani di incidere nella sfida cruciale dei cambiamenti climatici: non solo protesta, ma impegno e proposta”.

L’iniziativa, gestita dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica con il Segretariato affidato al Centro del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (Undp) in Italia, è stata presentata dal Ministro Pichetto in una conferenza stampa al monastero di San Bonaventura, cui ha preso parte anche il coordinatore del Centro Undp di Roma Agostino Inguscio.

Giunta alla seconda edizione dopo il grande interesse suscitato nel 2022, Youth4Climate è ormai divenuta un’iniziativa di richiamo globale, guidata dalla collaborazione tra l’Italia e l’Undp e orientata a mobilitare una rete attiva di giovani sul tema del “climate change”: in particolare, l’evento mira a selezionare e premiare i migliori progetti presentati dai giovani di tutto il mondo per affrontare la crisi climatica, promuovendo un dialogo concreto tra giovani e attori internazionali.

“Come Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite spiega il responsabile del Centro Undp di Roma Agostino Inguscio – sottolineiamo l’importanza del supporto strategico che l’Italia sta dando ai giovani nel diventare attori protagonisti nel contrasto al cambiamento climatico. L’iniziativa Youth4Climate – aggiunge – è un esempio da seguire per l’inclusione delle nuove generazioni in una nuova economia verde, fondamentale per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi”.

L’evento si articola in tre giorni di lavori: i primi due a Palazzo Rospigliosi, l’ultimo nella Casina di Macchia Madama.

Nella prima giornata verranno presentati i progetti selezionati tra i 1143 proposti a seguito del bando lanciato lo scorso settembre a New York e articolato in quattro sezioni: sostenibilità urbana, energia, alimentazione e agricoltura, educazione. Tra i partecipanti alla prima giornata, oltre ai giovani speaker e moderatori, l’Inviato speciale italiano per il Cambiamento Climatico Francesco Corvaro.

La seconda giornata sarà invece dedicata a dibattiti e sessioni mirate per incoraggiare i giovani ad essere agenti attivi del cambiamento: la sessione plenaria iniziale vedrà la partecipazione del Ministro Gilberto Pichetto, dell’Amministratore dell‘Undp Achim Steiner, del Segretario esecutivo della Convenzione quadro Onu sui cambiamenti climatici Simon Stiell e di Shamma Al Mazrui, la “Cop28 Youth Climate Champion” che rappresenta i giovani della Presidenza emiratina. I lavori culmineranno con l’accensione serale del Colosseo con il logo di Youth4Climate.

Nel terzo e ultimo giorno, il Ministro Pichetto premierà i progetti vincitori, con la partecipazione del Vicepremier e Ministro degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale Antonio Tajani, oltre che di altri ospiti internazionali. Verranno inoltre individuati i temi per il prossimo bando di finanziamento.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...