Skip to content Skip to footer

Comitato Congiunto per la Cooperazione allo Sviluppo: via libera ai contributi per iniziative di Organizzazioni della società civile ed Enti territoriali

Il Comitato si è riunito sotto la presidenza del Vice Ministro Cirielli. Si tratta della settima riunione del 2023.Nel corso dei lavori è stato approvato l’avvio della procedura comparativa pubblica per la concessione di contributi a iniziative di Organizzazioni della società civile ed Enti territoriali. Il relativo bando sarà pubblicato nei prossimi giorni.

Inoltre, anche per questa edizione, in linea con le direttive del Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Esteri Antonio Tajani, l’Africa si conferma regione prioritaria per la Cooperazione italiana, con iniziative per oltre 50 milioni di euro a dono e a credito. Gli interventi, deliberati a favore di Etiopia, Kenya, Mali, Mozambico, Senegal, Somalia ed Egitto, si focalizzeranno su settori generatori di reddito, quali sostegno a micro, piccole e medie imprese, istruzione, formazione e gestione delle risorse idriche, nonché in ambito sanitario, contrasto alla violenza di genere e salute sessuale e riproduttiva.

Di particolare rilievo è stata anche l’approvazione di un credito di aiuto di €100 milioni a sostegno del settore energetico in Ucraina, che mira al ripristino della produzione di energia idroelettrica. L’iniziativa dà seguito all’impegno annunciato in favore dell’Ucraina dall’On. Ministro Tajani alla Conferenza bilaterale di Roma dello scorso aprile. Sempre a favore dell’Ucraina è stata poi approvata un’iniziativa volta alla messa in sicurezza, attraverso l’installazione di un tetto di protezione, della Cattedrale della Trasfigurazione di Odessa, gravemente danneggiata dai bombardamenti russi. Infine, in linea con la tradizionale attenzione italiana al settore della sicurezza alimentare, sul canale multilaterale si segnalano contributi al Programma Alimentare Mondiale e al Ciheam di Bari destinati, rispettivamente, a iniziative di assistenza umanitaria in Africa e alla costituzione di un Centro polifunzionale in Tunisia specializzato nel settore della meccanizzazione agricola e l’agricoltura di precisione, realizzato in partenariato con numerosi attori, pubblici e privati, del Sistema Italia.(Farnesina)

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...