Skip to content Skip to footer

Celebrato l’avvio della produzione di Gnl  con il primo carico partito dalla Repubblica del Congo. Presenti, il Presidente della Repubblica del Congo, Denis Sassou-N’Guesso, il Presidente del Consiglio di Amministrazione di Eni, Giuseppe Zafarana e l’Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi, hanno

L’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi ha commentato che: “Il primo carico di Gnl dal Congo è il risultato del forte impegno di Eni e dei suoi partner e del costante supporto del Governo della Repubblica del Congo. Eni e i partner locali hanno condiviso competenze, know-how e tecnologie, garantendo ulteriori entrate al Paese e contribuendo alla sicurezza energetica dell’Europa.”

Il progetto Congo Lng, approvato nel dicembre 2022, ha iniziato la produzione di gas dopo solo un anno, in linea con la tempistica iniziale: un risultato reso possibile dall’approccio fasato e parallelizzato caratteristico di Eni e da un suo piano di esecuzione altamente efficiente. Il primo carico di Gnl è in corso e salperà per il terminale di rigassificazione di Piombino nei prossimi giorni.

Il progetto, situato nel permesso Marine XII, raggiungerà una capacità di liquefazione del gas a plateau di circa 4,5 miliardi di metri cubi all’anno e comporterà l’azzeramento del flaring dalle attività gestite nel Paese I volumi saranno commercializzati da Eni, andando a rinforzare e ampliare il portfolio Gnl dell’azienda, nel quadro del percorso verso la sicurezza e la transizione energetiche.

Eni è presente in Congo dal 1968 ed è l’unica azienda attiva nello sviluppo delle risorse di gas del Paese: attualmente fornisce gas alla Centrale Électrique du Congo (Cec), che copre il 70% della capacità di generazione elettrica del Paese. Eni è fortemente impegnata a promuovere la transizione energetica nel Paese attraverso diverse iniziative, tra cui il Centro di Eccellenza Oyo per le Energie Rinnovabili e l’Efficienza Energetica, promosso e sostenuto da Eni e gestito dal Ministero dell’Istruzione Superiore, della Ricerca Scientifica e dell’Innovazione Tecnologica della Repubblica del Congo insieme all’Unido (Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale). Inoltre, Eni includerà il Congo nella catena del valore della mobilità sostenibile attraverso la produzione di agri feedstock per la bioraffinazione, e promuove iniziative di cucina pulita, per ridurre il consumo di biomassa e le emissioni associate alla combustione.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...