Skip to content Skip to footer

Eurobarometro: le aspettative dei cittadini dell’Ue in vista delle elezioni europee

Secondo l’ultimo sondaggio Eurobarometro, gli europei desiderano un’Ue più forte e più indipendente, soprattutto di fronte alle attuali sfide globali, e mostrano un crescente ottimismo riguardo al futuro.

Aspettative per un’Ue più forte, indipendente e resiliente

Più di tre quarti degli europei (77%) sono favorevoli a una politica di sicurezza e di difesa comune tra i paesi dell’Ue, mentre oltre sette cittadini dell’UE su dieci (71%) concordano sulla necessità dell’Ue di rafforzare la sua capacità di produrre attrezzature militari. Allo stesso tempo quasi sette cittadini dell’Ue su dieci (69%) sono favorevoli a una politica estera comune degli Stati membri. Oltre due terzi dei cittadini concordano sul fatto che l’Ue sia un luogo di stabilità in un mondo in difficoltà (67%) e che l’Ue dispone di poteri e strumenti sufficienti per difendere gli interessi economici dell’Europa nell’economia globale (69%).

Secondo il sondaggio di Eurobarometro, per gli europe l’ambito prioritario dell’azione dell’Ue a medio termine è quello della sicurezza e della difesa (34%), seguito a breve distanza da clima e ambiente (30%).

La sanità (26%) si colloca al terzo posto e l’economia e la migrazione al quarto (25% per entrambe). Allo stesso tempo quasi la metà (46%) di tutti i cittadini ritiene che nel breve termine la garanzia di pace e stabilità avrà il maggiore impatto positivo sulla loro vita, seguito dalla sicurezza dell’approvvigionamento alimentare, sanitario e industriale nell’Ue (28%), dalla creazione di maggiori opportunità di lavoro e dalla gestione della migrazione (26%).

Sostegno continuo e considerevole alla risposta dell’Ue alla guerra in Ucraina

Per quanto riguarda la guerra di aggressione russa contro l’Ucraina, quasi nove intervistati su dieci (87%) si esprimono positivamente sulla fornitura di sostegno umanitario alle persone colpite dalla guerra e più di otto su dieci (83%) concorda con l’accoglienza nell’Ue delle persone in fuga dalla guerra. Il 72% dei cittadini dell’Ue sostiene le sanzioni economiche nei confronti del governo, delle imprese e dei cittadini russi, e il 70% è favorevole alla fornitura di sostegno finanziario all’Ucraina. Sei su dieci approvano la concessione all’Ucraina dello status di paese candidato all’adesione all’Ue e il finanziamento dell’Ue per l’acquisto e la fornitura di attrezzature militari all’Ucraina.

Tra le crisi più recenti, l’invasione russa dell’Ucraina ha avuto la maggiore influenza sul modo in cui i cittadini dell’Ue guardano al futuro (42%), seguita dalla pandemia e da altre crisi sanitarie (34%) e dalla crisi economica e finanziaria (23%).

La guerra in Ucraina è considerata, in un elenco di quindici, uno dei due problemi più importanti che l’Ue si trova ad affrontare, con un totale del 35% delle preferenze, 7 punti percentuali in più rispetto al novembre dello scorso anno. Seguono l’immigrazione (24%), la situazione internazionale (22%) e l’inflazione (19%). L’inflazione rimane il problema più menzionato a livello nazionale, attestandosi al 38%, un calo di sei punti percentuali rispetto al sondaggio precedente.

Cresce l’ottimismo riguardo all’economia

La percezione della situazione dell’economia europea è migliorata dall’autunno 2023: il 47% degli intervistati la considera ora “buona”, il livello più alto dal 2019. Una pluralità di cittadini (45%) ritiene che la situazione economica europea rimarrà stabile nei prossimi 12 mesi. La tendenza positiva si riflette anche nel sostegno all’euro che resta stabilmente elevato, sia nell’Ue nel suo complesso (70%) che nella zona euro (78%).

Percezione positiva dell’Ue e della cittadinanza 

In vista delle elezioni europee, quasi tre quarti degli intervistati (74%) affermano di sentirsi cittadini dell’Ue, ancora una volta il livello più alto in oltre vent’anni. Oltre sei cittadini dell’Ue su dieci (62%) sono inoltre ottimisti riguardo al futuro dell’Ue, facendo registrare un lieve aumento rispetto al sondaggio precedente nell’autunno 2023. Anche la fiducia nell’Ue è aumentata ed è ora pari al 49%, mentre la fiducia nei governi nazionali si attesta al 33%.

Quasi sei cittadini dell’Ue su dieci sono soddisfatti del funzionamento della democrazia nell’Ue (57%) e nel loro paese (58%).

 

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...