Skip to content Skip to footer

Eurostat: risparmio delle famiglie europee in calo nel 2022

Nel 2022, i cittadini dell’Ue hanno risparmiato in media il 12,7% del loro reddito disponibile. Il tasso era significativamente inferiore a quello del 2021 (16,4%) e più vicino ai valori prima della pandemia di Covid-19.
I tassi di risparmio lordo più elevati tra i membri dell’Ue nel 2022 sono stati registrati in Germania (19,9%), Paesi Bassi (19,4%) e Lussemburgo (18,1%).

12 membri dell’Ue e hanno registrato tassi di risparmio inferiori al 10,0% nel 2022, tra cui Polonia e Grecia hanno registrato tassi negativi, rispettivamente -0,8% e -4,0%. Ciò indica che le famiglie hanno speso più del loro reddito disponibile lordo e quindi hanno utilizzato i risparmi accumulati nei periodi precedenti o hanno preso prestiti per finanziare le proprie spese.

Nel 2022, il reddito disponibile lordo reale pro capite corretto delle famiglie nell’Ue ha registrato un calo dello 0,8%, mentre l’area dell’euro ha registrato un calo dello 0,9%, il primo calo dal 2013.

Osservando gli sviluppi negli ultimi due decenni, dopo i tassi negativi tra il 2010 e il 2013 dovuti alla crisi finanziaria ed economica globale, il reddito disponibile lordo reale pro capite corretto delle famiglie è aumentato dal 2014 al 2021. Nel 2020, durante il primo anno di Dopo la crisi del Covid-19, il tasso di variazione ha rallentato pur rimanendo positivo.

Dopo una crescita record del 2,8% nel 2021 – la più alta degli ultimi due decenni – nel 2022 l’aumento del valore nominale (+6,3%) è stato inferiore all’aumento dei prezzi (+7,2%), e quindi una diminuzione del valore reale è stata osservato.

Ulteriori approfondimenti, qui  dati annuali sui conti del settore non finanziario

 

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...