Skip to content Skip to footer

Immobili di pregio, mare più costoso della montagna

È quanto emerge dallo studio elaborato da Immobiliare.it Insights, società del gruppo di Immobiliare.it che ha messo a confronto le cinque località marittime e le cinque località montane più famose d’Italia.

Analizzando il costo medio delle abitazioni in vendita, ben due città di mare su cinque superano il milione di euro: Forte dei Marmi, oltre 2 milioni, e Capri, che sfiora i 1.400.000 euro. Anche Portofino si avvicina al milione come valore medio complessivo delle case sul mercato (955.000). Per quanto riguarda le località sulle più famose piste da sci, solo Cortina d’Ampezzo oltrepassa questa soglia (1.300.000), tuttavia ben tre si attestano su una cifra superiore agli 800.000 euro: Madonna di Campiglio (938.400), Courmayeur (860.000) e Ortisei (831.800). La richiesta complessiva per una casa vista mare a Porto Ercole e a Porto Rotondo si aggira di media sui 766.800 euro e 540.600 euro rispettivamente. Fanalino di coda Cervinia (300.000)

«In Italia è sicuramente più comune che siano le mete turistiche sulla costa a vantare soluzioni di particolare pregio, per le quali la richiesta raggiunge molto spesso cifre importanti anche grazie a particolari plus quali giardini e piscine, molto meno comuni nelle località montane – commenta Antonio Intini, Chief Business Development Officer di Immobiliare.it – Generalmente infatti gli insediamenti urbani in montagna sono piuttosto piccoli e difficilmente presentano aree adeguate a favorire un ulteriore sviluppo abitativo, motivo per cui il costo del metro quadro rimane molto elevato, basti pensare che a Cortina d’Ampezzo supera gli 11.000 euro».

Se si parla solo di appartamenti in condominio, in media le superfici più generose si trovano a Ortisei, ben 111 metri quadri. Comunque, sopra i 100 mq, Madonna di Campiglio (105), Cortina d’Ampezzo (102) e Forte dei Marmi (101).

Le mete turistiche in cui invece i metri quadri scarseggiano: a Portofino, dove le soluzioni in condominio si attestano mediamente su 67 mq, e a Cervina, 66.

Se si guarda poi alle soluzioni indipendenti, Cortina d’Ampezzo non ha rivali: le ville si aggirano di media sui 430 mq. Nelle località marittime primeggia invece Portofino dove le magioni solitamente occupano più di 340 mq. Bene anche Courmayeur appena al di sotto dei 300 mq di media. Le restanti località si aggirano su una media di 250 mq.

Dove cercare se si desidera la privacy

Se il desiderio è quello di trovare un’abitazione che garantisca la massima privacy, il mare vince nettamente sulla montagna. Tutte le località marittime considerate, infatti, presentano una composizione dell’offerta dove la percentuale di soluzioni indipendenti supera comunque il 20%, con Forte dei Marmi che tocca addirittura l’84% e Capri il 50%.

Nelle località di montagna lo stock in offerta invece è composto principalmente da appartamenti, la percentuale di ville supera il 10% solo a Ortisei (16%) e a Courmayeur (14%).

Quali tagli offre il mercato degli appartamenti

Chi è alla ricerca di un monolocale deve guardare a Portofino dove la percentuale in offerta di questa tipologia sfiora il 26%. Sui bilocali primeggia invece Cervina, con il 35%. Ortisei è al primo posto per quanto riguarda i trilocali, che rappresentano ben il 57% dello stock in offerta. Su questa tipologia fanno bene anche Porto Rotondo e Courmayeur, entrambe oltre il 40%.

Chi desidera più spazio e guarda ai quadrilocali si deve indirizzare su Madonna di Campiglio (28%) o Forte dei Marmi (27,5%). Quest’ultimo anzi conquista il gradino più alto del podio in quanto a disponibilità di pentavani, 23%, e oltre, 23,7%. Sugli appartamenti con più di 5 vani fa bene anche Cortina d’Ampezzo che mostra una percentuale in offerta che sfiora il 20% del totale.

 

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...