Skip to content Skip to footer

Internazionalizzazione: riunita la Cabina di Regia Mimit-Maeci

Si è svolta a Palazzo Piacentini la XII riunione della Cabina di Regia per l’Internazionalizzazione, sotto la co-presidenza del Ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso e del Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Antonio Tajani.

Firmato anche un protocollo d’intesa tra Ice e Invitalia per favorire gli investimenti esteri nel territorio italiano e rafforzare l’attrattività del sistema paese sui mercati internazionali.

Urso: “il governo è con le imprese per valorizzare il Made in Italy nel mondo, fronteggiare i rischi geopolitici e cogliere le nuove opportunità nella twin transition”.

Tajani: “Il messaggio che vogliamo consegnare alle imprese è che siamo al loro fianco, per sviluppare un’azione a loro sostegno e difesa che parte da qui e prosegue al di fuori dei confini nazionali”.

“Il nostro tessuto imprenditoriale, che ha saputo reagire meglio di altri competitor europei alle recenti crisi, ora si trova a operare in un contesto geopolitico complesso e nel quale la doppia transizione, green e tecnologica, cambia il volto della globalizzazione. Oggi, con questa cabina di regia, ancora una volta le Istituzioni si dimostrano capaci di essere al fianco delle nostre aziende, portando avanti una politica di supporto e promozione dell’Italia sia a livello di pianificazione strategica sia attraverso un sostegno pubblico. In particolare, con l’entrata in vigore della legge quadro sul Made in Italy si rafforzano ancora di più le filiere produttive italiane. Fondo sovrano con un focus sulle materie prime critiche; istituzione del liceo del Made in Italy e Fondazione ad hoc per puntare sulla formazione delle competenze; creazione della giornata del Made in Italy del 15 aprile; difesa dei marchi storici e lotta alla contraffazione sono i pilastri su cui si basa il comune sforzo per proiettare il Made in Italy nella sfida internazionale. La strada da percorrere per affermare sempre più la leadership del nostro Paese è tracciata”, ha dichiarato il Ministro Urso in apertura della Cabina di Regia.

Nel suo intervento, il Ministro Tajani ha sottolineato l’importanza di mettere a sistema e valorizzare il contributo di tutti gli attori, pubblici e privati, impegnati nel sostegno all’export e all’internazionalizzazione del tessuto economico italiano.

“Il nostro lavoro di squadra, che questa riunione intende riaffermare e rilanciare, parte dall’elaborazione congiunta della strategia di promozione all’estero delle nostre imprese”, ha dichiarato il Ministro Tajani, assistito per l’occasione dal Sottosegretario agli Esteri Maria Tripodi, che ha tra le sue deleghe la promozione del commercio internazionale, una delle priorità del Governo e della Presidenza italiana del G7.

“Il Governo sostiene le imprese esportatrici con misure concrete. Nel 2023 abbiamo supportato le nostre aziende mettendo a loro disposizione 1,65 miliardi di finanziamenti erogati tramite Simest a condizioni molto vantaggiose. Insieme ad Ice abbiamo poi realizzato 960 iniziative promozionali in tutto il mondo, per un valore di 205 milioni di Euro. Quest’anno confermiamo con ulteriori 1,65 miliardi di Euro il nostro impegno sul fronte dei finanziamenti agevolati alle imprese, un elemento tanto più importante in una fase di tassi di interesse ancora elevati. Con Ice sono già programmate oltre 600 iniziative, con un budget di 140 milioni di Euro, cui si aggiungeranno circa 170 milioni di Euro per iniziative a partire dal mese di settembre. Intendiamo, attraverso questo impegno, supportare le nostre imprese con ancora maggior vigore nel diversificare i mercati di sbocco, guardando all’evoluzione della geografia del commercio internazionale, e promuovendo un Made in Italy autentico e di qualità. In questo sforzo corale, la nostra rete diplomatica all’estero – Ambasciate, Consolati, Rappresentanze Permanenti e Uffici dell’Agenzia Ice – è pienamente mobilitata”, ha concluso il Vicepremier.

Al termine della riunione è stato adottato un documento conclusivo redatto di concerto con tutti gli attori della Cabina di Regia, che fornisce le linee strategiche per l’internazionalizzazione, gli strumenti e le azioni per il 2024, incluse le modalità di promozione del Made in Italy e le priorità geografiche di azione.

Particolare attenzione è dedicata al sistema fieristico, alla grande distribuzione organizzata, nonché a iniziative di rilevanza strategica con focus soprattutto su Africa e Ucraina. Il documento si sofferma poi sulla promozione integrata del Made in Italy con le sue filiere produttive nazionali. Uno dei principali strumenti è rappresentato dalla legge quadro sul Made in Italy con l’istituzione, tra l’altro, anche di un Fondo nazionale a essa connesso. Vengono approfonditi, inoltre, argomenti con approfondimenti dedicati all’economia dello spazio, all’approvvigionamento di materie prime critiche, all’innovazione, alle startup, nonché alle azioni di attrazione e sblocco degli investimenti esteri.(Farnesina)

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...