Skip to content Skip to footer

“La Guarini” la fiaccola che accenderà i Giochi Mondiali universitari invernali di Torino 2025

Nella cornice del Castello del Valentino, sede storica del Politecnico di Torino, è stato ufficialmente svelato il prototipo della Fiaccola dei prossimi Giochi Mondiali Universitari invernali, la rassegna nata proprio qui col nome di Universiade. La presentazione ha visto la partecipazione del Rettore del Politecnico Guido Saracco e il presidente del Comitato organizzatore dei Giochi di Torino 2025 Alessandro Ciro Sciretti, a cui hanno fatto seguito i saluti istituzionali del vicerettore per il Welfare, la Sostenibilità e lo Sport dell’Università di Torino Alberto Rainoldi, del presidente della Fisu Leonz Eder, dell’assessore allo Sport della Regione Piemonte Fabrizio Ricca, della vicesindaca di Torino Michela Favaro e del presidente del Cus Torino Riccardo D’Elicio.

Ospite d’onore è stato il mito dello sport italiano Livio Berruti, 3 ori nell’atletica leggera alla prima Universiade di Torino 1959 (100, 200, 4×100), a cui ha aggiunto in seguito un altro oro (4×100 a Tokyo 1967) e due bronzi (100 e 200 a Porto Alegre 1963). E, insieme a queste sei medaglie ottenute nella massima rassegna universitaria mondiale, brilla il titolo olimpico conquistato (con tanto di primato mondiale) nei 200 metri all’Olimpiade di Roma 1960. Berruti fu anche l’ultimo tedoforo che accese il braciere durante la Cerimonia d’apertura dell’Universiade invernale di Torino 2007. Una vera e propria leggenda: non poteva mancare allo svelamento della Fiaccola che riporterà la manifestazione in Piemonte a distanza di 18 anni dalla precedente.

Lo sport è strumento per il cambiamento, veicolo di formazione, crescita, integrazione e inclusione ed è per questo che ai Giochi di Torino 2025, grazie alla volontà di FederCUSI, che ha consegnato l’organizzazione dei Giochi al Piemonte e a Torino: per la prima volta studenti-atleti normodotati e para studenti-atleti gareggeranno sulle stesse piste e nelle stesse gare, nelle discipline di sci alpino e sci di fondo (categorie Standing, Sitting e Visually impared).

Sono quattro gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite che il Comitato Organizzatore dei Giochi Mondiali Invernali di Torino 2025 si è prefissato di raggiungere:

Buona salute e benessere per le persone (obiettivo n°3), Educazione paritaria e di qualità (n°4), Parità di genere (n°5), Città e comunità sostenibili (n° 11).

Sono stati elaborati otto concept di fiaccola e i progetti “La Guarini” e “Lafleur” sono stati scelti come finalisti dal Comitato Organizzatore dei Giochi di Torino 2025. Entrambi i concept hanno integrato illuminazione a Led, materiali riciclabili e la capacità di funzionare come artefatti illuminotecnici. Anche in ragione del quarto centenario del grande architetto Guarino Guarini, il concept finale scelto è stato “La Guarini”, ispirato ai sei livelli esagonali concentrici della Cupola della Cappella della Sacra Sindone del Duomo di Torino progettata proprio dal noto architetto.  Il progetto de “La Guarini” è stato realizzato dagli studenti Gianluca Basile, Giovanni Bergadano e Matteo Bizzarri.

 

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...