Skip to content Skip to footer

Lazio: contributi per salvaguardia e valorizzazione delle botteghe storiche

È aperto l’avviso pubblico da 2,4 milioni di euro per la salvaguardia e la valorizzazione delle botteghe e delle attività artistiche, dei mercati e delle fiere di valenza storica, nonché delle attività storiche di commercio su aree pubbliche.

Le Botteghe storiche laziali censite al 30 novembre 2023 sono: 293 a Roma e provincia, 108 a Rieti e provincia, 80 a Viterbo e provincia, 32 a Frosinone e provincia, 71 a Latina e provincia.

Sono 29, invece, i Mercati storici, 17 nella Capitale, 3 a Frosinone e provincia, 9 a Latina. Per quanto riguarda le Fiere storiche, sono complessivamente 24, 4 a Frosinone e provincia, 16 a Latina e provincia, 4 a Rieti e provincia.

Roma inoltre ha 94 attività di commercio su aree pubbliche di valenza storica, i cosiddetti urtisti.

Il contributo regionale sarà fino al 70% del totale delle spese previste per l’attuazione dei programmi per i Comuni con popolazione superiore a 5.000 abitanti e pari al 100% del totale delle spese previste per l’attuazione dei programmi per i Comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti e per quelli in dissesto finanziario.

Il contributo regionale per i Comuni con popolazione superiore ai 5.000 abitanti è:

Euro 10.000 per mercato storico e per fiera storica

Euro 5.000 per bottega storica

Euro 800 per attività di commercio su aree pubbliche con carattere di storicità.

Il contributo per i Comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti o in dissesto finanziario è:

Euro 14.285 per mercato storico e fiera storica

Euro 7.150 per bottega storica

Euro 1.150 per attività di commercio su aree pubbliche con carattere di storicità.

Le risorse verranno destinate ai Comuni per misure di agevolazione a favore dei proprietari dei gestori delle attività inseriti nell’elenco regionale, attraverso una o più delle seguenti misure:

L’istituzione di contributi per l’affitto, la locazione e per il restauro e conservazione dei beni immobiliari, di insegne, attrezzature, macchinari, arredi, finiture e decori originali legati alle attività delle botteghe storiche;

La riduzione della misura o l’esenzione dai canoni;

L’applicazione di agevolazioni o di riduzioni dell’aliquota dell’Imposta Municipale propria (Imu);

Il sostegno a interventi di sviluppo, innovazione e miglioramento delle qualità dei servizi;

Il sostegno all’attrattività dei centri urbani e dei luoghi storici del commercio attraverso la valorizzazione delle vie storiche e degli itinerari turistici e commerciali;

Le istanze potranno essere presentate, in via esclusiva, da parte dei Comuni del Lazio che hanno completato il censimento, riferito all’anno 2023, delle botteghe e attività storiche, dei mercati storici, delle fiere di valenza storica, nonché delle attività di commercio su aree pubbliche con carattere di storicità, inseriti nell’elenco regionale approvato con la determinazione dirigenziale n. G01230 del 6 febbraio 2024.

Le istanze dovranno pervenire all’indirizzo Pec avvisobotteghestoriche@pec.regione.lazio.it entro le ore 23:59:59 del 31 luglio 2024.

L’istruttoria si articolerà in base all’ordine cronologico di presentazione delle domande e fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...