Skip to content Skip to footer

Le esportazioni extra-Ue hanno trainato il mercato europeo del lavoro nel 2021

Nel 2021, l’ occupazione di 30,4 milioni di persone nell’Ue è stata sostenuta dalle esportazioni verso i paesi extra-Ue, in leggero aumento rispetto a 29,9 milioni nel 2020 (+1,7%). In termini relativi, l’occupazione sostenuta dalle esportazioni rappresentava il 15% dell’occupazione totale nell’Ue (210 milioni), equivalente a poco più di 1 persona su 7 occupata all’interno dell’Ue.

La Germania è stato il paese dell’Ue con il più alto livello assoluto di occupazione sostenuto dalle esportazioni dell’Ue. Nel 2021, l’occupazione di 6,9 milioni di persone in Germania è stata sostenuta dalle esportazioni dell’Ue, inclusa la stessa Germania. Francia e Italia (entrambe con 3,4 milioni di persone) hanno registrato i seguenti livelli più elevati di occupazione sostenuta dalle esportazioni. Tuttavia, in termini relativi, la quota più elevata di occupazione sostenuta dalle esportazioni verso i paesi extra-Ue è stata registrata in Irlanda (27%), seguita da Lussemburgo (25%) e Bulgaria (23%). Questi risultati sono stati compilati utilizzando le tavole Figaro (Full International and Global Accounts for Research in input-Output Analysis), di cui è stato pubblicato anche l’aggiornamento per le serie temporali 2010-2021. La Croazia (10%), insieme a Francia e Grecia (entrambe al 12%), hanno registrato la quota più bassa di occupazione sostenuta dalle esportazioni dell’Ue nel 2021.

Valore aggiunto delle esportazioni extra-Ue fino a 2,226 miliardi di euro nel 2021

Le esportazioni dell’Ue hanno sostenuto 2 226 miliardi di euro di valore aggiunto nel 2021, pari al 17% dei 12 993 miliardi di euro di valore aggiunto totale creato nell’Ue. Rispetto al 2020, quando 1 962 miliardi di euro di valore aggiunto (16%) erano sostenuti dalle esportazioni verso paesi terzi (su un valore aggiunto totale dell’Ue di 12 032 miliardi di euro), ciò rappresenta un aumento di 0,264 miliardi di euro (+0,8 %).

Anche in questo caso, in termini di valore aggiunto assoluto sostenuto dalle esportazioni dell’Ue, la Germania è stato il paese dell’Ue con il valore più alto nel 2021: 583,6 miliardi di euro. Seguono la Germania (287,2 miliardi di euro) e l’Italia (227,8 miliardi di euro). In termini di percentuale del valore aggiunto totale, i valori più elevati sostenuti dalle esportazioni dell’Ue si sono tuttavia riscontrati in Irlanda (47%) e Lussemburgo (33%). Al contrario, la quota più bassa di valore aggiunto generato dalle esportazioni dell’Ue è stata registrata in Croazia (10%) e Portogallo (12%).

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...