Skip to content Skip to footer

Donazione di 350.000 euro di aiuti alimentari d’emergenza ad un grande orfanotrofio del Mali  (Bamako) ed al lancio della seconda fase di rifinanziamento biennale (pari ad un contributo italiano di due milioni di euro) del progetto di prevenzione e gestione delle violenze di genere al centro della visita dell’ Ambasciatore d’Italia in Mali, Stefano A. Dejak,  alla Ministra della promozione delle donne, l’infanzia e la famiglia del Governo del Mali, Coulibaly Mariam Maiga.

Tale progetto, avviato nel 2019, riguarda quattro milioni di donne e ragazze del Mali in età riproduttiva ed è attivo, grazie a precedenti contributi italiani, nelle città maliane di Bamako, Mopti, Sikasso e Segou ed ha permesso di costituire degli appositi centri di assistenza che costituiscono esempi di eccellenza nell’assistenza alla salute riproduttiva, i diritti delle donne ed il contrasto alle violenze di genere.

La Ministra Maiga ha colto l’occasione per manifestare il più vivo apprezzamento del Governo del Mali per il sostegno assicurato dal Governo italiano in tali settori critici e, soprattutto, a sostegno delle categorie più esposte e deboli della società maliana. Si è congratulata con l’Italia che, dopo la recente apertura dell’Ambasciata a Bamako, sta dimostrando di sviluppare sempre più importanti relazioni con il Mali, nell’ambito d’un dialogo fruttuoso concretizzatosi in risultati in più settori, dalle relazioni commerciali ed il sostegno alla creazione di posti di lavoro nell’agricoltura di esportazione, alla fruizione di acqua potabile ed al sostegno alle donne ed all’infanzia.

L’Ambasciatore Dejak ha sottolineato come: “l’Italia, grazie anche all’apporto dell’Aics, attribuisce alta priorità alla persona e alla promozione dei suoi diritti: in questa prospettiva il Governo italiano ha deciso di sostenere anche tali ultimi interventi a favore delle donne e dell’infanzia del Mali”.(Farnesina)

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...