Skip to content Skip to footer

Ogni anno l’Argentina festeggia il Malbec World Day

Il Malbec argentino è un’opzione sostenibile, che si adatta alle nuove tendenze di vita e di consumo. Ciò è possibile grazie all’impegno assunto dall’Argentina per preservare l’ambiente e generare un impatto positivo sulle società e sulle economie, sempre nella prospettiva di un futuro migliore, più consapevole, più empatico e più umano.

Vanesa Di Martino Creide, Responsabile dell’ufficio Promozione Turistica dell’Ambasciata Argentina ha spiegato:  Pochi lo sanno, ma il nostro Paese è nella Top Five  per la produzione di vino dietro a Italia, Spagna, Francia e Stati Uniti.  Con 215.000 ettari di vigneti piantati, l’Argentina produce vino in 14 delle 23 province. In poco più di 30 anni, il mondo ha conosciuto, bevuto e scelto in modi diversi i vini che compongono il panorama enologico argentino. Del totale prodotto, oggi circa il 15% viene esportato, I principali mercati sono gli Stati Uniti, seguiti da Regno Unito e Brasile, con Canada, Paesi Bassi e Cina. Il Ministero degli Affari Esteri Argentino insieme al Ministero del Turismo,  che ha la diffusione del nostro “Marchio Paese” e  Wines of Argentina, svolgono un importante lavoro nella promozione del vino argentino all’estero”

La data del 17 aprile è stata scelta per commemorare il giorno nel quale il presidente dell’Argentina, Domingo Faustino Sarmiento, nel 1853, incaricò l’agronomo francese Michel Aimé Pouget di dare una svolta alla viticoltura argentina portando nuovi vitigni nel paese.

In Argentina il malbec ha trovato condizioni climatiche e di suolo ideali: la forte escursione termica e la terra di alta quota lo rendono particolarmente adatto alla produzione di un vino con colore accentuato e buona acidità, adatto a essere bevuto sia giovane sia con un lungo affinamento in legno.  Per comprendere l’importanza del malbec in Argentina, secondo i dati diffusi da Wines of Argentina, con quasi 43.000 ettari coltivati, il malbec guida la classifica dei vitigni rossi con il 37,53% e rappresenta il 21,40% del totale delle aree dedicate alla coltivazione di vite.

Claudio Valenti

© riproduzione riservata

Testo pubblicato nel Reportage Argentina, link al Reportage https://relazioninternazionali-tribuna.com/wp-content/uploads/2024/04/Relazioni_internazionali_Argentina2024.pdf

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...