Skip to content Skip to footer

Open Innovation, e-procurement,risk management e tensioni geopolitiche fra i temi principali della 7a edizione di Procurement Forum

Il 20 marzo si svolgerà la settima edizione di Procurement Forum, l’evento di Ikn Italy dedicato al confronto tra Cpo, Cfo, Buyer e IT Manager italiani e internazionali.

Il crollo dei transiti nel Canale di Suez, a causa della crisi in atto in Medio Oriente, incide fortemente sull’attività delle nostre imprese che lamentano ritardi nelle consegne, aumento del costo delle materie prime e dei trasporti, difficoltà di approvvigionamento. In questa parte del Mar Rosso sono in essere tensioni geopolitiche che hanno ripercussioni sul commercio a livello globale e, di conseguenza, sul rapporto tra Cpo, Cfo, & IT che devono affrontare un rialzo dei prezzi: diversi i dibattiti che tratteranno di questo tema e dell’impatto sulle scelte aziendali.

L’evento sarà anche un’occasione per approfondire i vantaggi competitivi sul mercato grazie all’approccio Open Innovation nell’e-procurement: il confronto verterà, in particolare, sulle modalità per uniformare le piattaforme per tutti i vari stakeholder coinvolti, su come influisce il dato nella scelta imprenditoriale e quali sono le decisioni strategiche che conducono all’AI al posto dell’intelligenza umana.

Un altro tema molto attuale che sarà affrontato in occasione di Procurement Forum è rappresentato dai nuovi modelli operativi di risk management volti alla previsione di domanda/offerta, a mitigare l’imprevisto e mappare lo scoring fornitori: si tratta di una necessità dettata dall’inflazione e dalla volatilità di mercato. Infatti, nella situazione che stiamo vivendo si rende necessario rivedere le sinergie, in quanto ci troviamo di fronte a un ruolo aziendale, quello del Cpo,  che deve confrontarsi sempre di più con l’area finance e risk management per migliorare il rischio-rendimento.

La sostenibilità è uno dei driver – insieme a digitalizzazione e sinergie tra stakeholder – della trasformazione settore: rappresenta un valore prioritario per le aziende, che cercano di ridurre l’impatto ambientale delle proprie attività. La trasformazione digitale nei processi di business deve essere, infatti, guidata da un piano di sostenibilità che rispetti il rating Esg dei fornitori.

In occasione dell’appuntamento saranno presentati i risultati della survey “Il ruolo e le soft skill del Cpo 2024 tra resilienza e cambiamento”, focalizzata su: le soft skill essenziali nei processi di acquisto; le aspettative del Cfo, dei responsabili IT e dei direttori commerciali dal chief procurement officer; come l’innovazione digitale, l’ai, la spend analysis, i criteri esg e i piani di sostenibilità influenzano il processo di acquisto.

Saranno circa 30 gli Speaker che porteranno la loro testimonianza in evento, tra cui:

Massimo Rosso, Chief Procurement Officer Rai – Radio Televisione Italiana, Eliano Apicella, Prichasing Director Barilla Group, Diego Petroli, Procurement Director Illycaffè.

L’evento dà spazio anche a testimonianze al femminile: in un settore prettamente maschile, Procurement Forum vede la partecipazione di un buon numero di Speaker donna (circa un terzo) e la collaborazione con Women in Procurement, un network di figure esperte degli acquisti e non solo, che condividono le proprie esperienze e passioni per generare ispirazione e conoscenza in ambito professionale e personale. L’evento sarà un’occasione per ascoltare le testimonianze di alcune delle professioniste del network: Paola Cocciolo, South Eastern Europe Procurement Business Manager British American Tobacco, Alessandra Rossella Mercuri, Head of Procurement Italiaonline, Manuela Fichera, Global Indirect Procurement Manager DiaSorin, e Claudia Nardelli, Acquisti e Appalti – Responsabile Qualificazione Fornitori Terna.

Il panorama e i trend internazionali saranno presentati da: Melissa Duckan Warneke, Head of Sustainable Procurement Aon, e Jad Saba, Global Commodity Procurement Management Amplifon.

In occasione dell’evento, Ikn Italy forte della sua esperienza pluriennale nella formazione e informazione del middle management, seleziona, celebra e valorizza i Chief Procurement Officer che nell’arco dell’anno si sono distinti per Leadership e Innovazione.

Il premio Best Cpo 2024 sarà consegnato al Cpo che: ha dimostrato di saper creare nuovi paradigmi sostenibili, in un’ottica di Digital Transformation, ha implementato una strategia di Data Governance per efficientare il processo di approvvigionamento, e che ha sviluppato soluzioni di digitalizzazione di processi e acquisti.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...