Skip to content Skip to footer

Simest con Confindustria Assafrica & Mediterraneo per sostenere gli investimenti delle imprese italiane nell’area africana

L’accordo è stato sottoscritto dal Presidente di SimestPasquale Salzano e dal Presidente di Confindustria Assafrica & Mediterraneo Massimo Dal Checco con l’obiettivo di rendere maggiormente efficace l’attività di promozione e di impiego delle risorse a disposizione.

A questo fine, i due Istituti s’impegnano a valorizzare e diffondere presso le imprese associate di Confindustria Assafrica & Mediterraneo la conoscenza dei prodotti e servizi gestiti da Simest e di cooperare per offrire alle imprese assistenza qualificata e tempestiva. Confindustria Assafrica & Mediterraneo si impegna inoltre a raccogliere e veicolare le manifestazioni di interesse delle proprie aziende associate, organizzando sessioni dedicate ad incontri individuali con gli esperti di Simest.

Pasquale Salzano, Presidente di SimesT, ha dichiarato: “La firma odierna rappresenta un tassello importante nella strategia complessiva di Simst di supporto allo sviluppo sostenibile e duraturo dei rapporti commerciali fra Italia e Africa. L’accordo, grazie alla stretta collaborazione con Confindustria Assafrica & Mediterraneo ci permetterà infatti di raggiungere un’ampia platea d’imprese a cui offrire i nostri servizi, favorendo la realizzazione dei piani d’investimento nel Continente. Simest è quindi impegnata attivamente per favorire lo sviluppo dei rapporti di reciproco beneficio fra le due geografie. In linea con gli indirizzi della Farnesina, e grazie al ruolo previsto dal Piano Mattei – come ricordato ieri in occasione del “Vertice Italia – Africa” dal Ministro degli Esteri Antonio Tajani – Simest ha predisposto anche un pacchetto di finanziamenti agevolati da €200 milioni di euro a favore della crescita sinergica fra l’Italia e i Paesi del Continente africano”. 

Massimo Dal Checco, Presidente di Confindustria Assafrica & Mediterraneo ha dichiarato: “L’accordo siglato oggi con Simest è volto ad agevolare il settore privato italiano nei mercati africani e quindi consentirci di essere più competitivi rispetto ad altri attori del mercato globale. In Africa operano sempre di più aziende italiane di piccole e medie dimensioni, attive nei più svariati settori, per le quali l’appoggio del Sistema Paese e delle sue Istituzioni finanziarie risulta strategico, al fine poter operare in un’ottica di lungo periodo, in linea con gli interessi del continente”.

Show CommentsClose Comments

Leave a comment

Potrebbe interessarti anche...